Azione cattolica

AZIONE CATTOLICA ITALIANA
Associazione Parrocchiale "SACRA FAMIGLIA" (fondata nel 1908)

Piazza dei Quiriti 17 – 00192 ROMA
Tel: 063216659 – Fax 06686703882
e-mail: sangioacchino@vicariatusurbis.org

IMPEGNI IN PARROCCHIA

L’Associazione Sacra Famiglia è impegnata nel Consiglio Pastorale Parrocchiale, in tutte le commissioni costituite dal Consiglio stesso, nel Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici, nelle attività della Caritas Parrocchiale e della Conferenza di San Vincenzo, nelle attività di Catechesi per ragazzi e adulti, nell’animazione della Liturgia, nelle attività culturali, nelle attività Amministrative e Contabili della Parrocchia e partecipa, con alcuni suoi associati.

FORMAZIONE

Ogni anno, seguendo gli itinerari proposti dalla Associazione diocesana, organizza un corso di formazione per adulti e giovani adulti. Il corso è aperto non solo agli associati ma a chiunque voglia partecipare per accrescere la propria formazione religiosa. In questo modo avrà anche l’opportunità di conoscere l’Associazione. Gli incontri verranno, che si tengono il venerdì, con cadenza mensile, verranno indicati in anticipo nella pagina degli Avvisi del Sito e del Bollettino.

 

SCEGLIERE L’AZIONE CATTOLICA

L’Azione Cattolica Italiana è un’Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la realizzazione del fine generale apostolico della Chiesa.

“Il magistero di Giovanni Paolo II e dei vescovi italiani parla dell’Azione Cattolica come di una realtà radicata in un carisma della Chiesa: l’AC è dono della Chiesa ed espressione di soggettività laicale, unite in una singolare esperienza coerente con la vocazione battesimale dei laici cristiani che costituiscono l’associazione stessa.

Modi per dire come l’AC, scelta con maturità e consapevolezza, è un’esperienza che dà forma alla vita personale; delinea un preciso cammino verso la santità; è decisione che non si assume per abitudine o per tradizione; è scelta che non può durare una stagione, perché segna in profondità la vita cristiana di quanti la compiono.

Scegliere l’AC è dire con la propria vita che l’esistenza cristiana che nasce nella parrocchia e vive nelle cose di tutti è esperienza forte e radicale, che intende testimoniare che la santità è possibile nella fedeltà semplice e seria al Vangelo, custodita e alimentata nella Chiesa di tutti. (…)

Il cuore della nostra esperienza è la scelta di vivere l’essenziale della vita cristiana, cioè la vocazione battesimale, dentro l’universale esperienza delle donne e degli uomini di oggi, senza nulla togliere a ciò che è comune a tutti.

Questo ci chiede l’impegno a dare valore alla vita attraverso l’operosità, l’amore, la responsabilità, la dedizione; a costruire per tutti una civiltà dell’amore, come ci ha invitato a fare il Papa nel suo Messaggio all’Assemblea (Giovanni Paolo II all’Assemblea Straordinaria, 14 settembre 2003): “voi siete laici esperti nella splendida avventura di far incontrare il Vangelo con la vita e di mostrare quanto la ‘bella notizia’ corrisponda alle domande profonde del cuore di ogni persona e sia la luce più alta e più vera che possa orientare la società nella costruzione della civiltà dell’amore”.

Dalla Premessa allo Statuto dell’Azione Cattolica Italiana